Gli errori che ti impediscono di attirare clienti attraverso l'email marketing

errors that prevent you attract customers with email marketing

L’email marketing rimane uno degli strumenti più efficaci nell’arsenale del marketing digitale, ma anche gli strumenti più affilati possono diventare ottusi se non utilizzati correttamente. Per ogni azienda entusiasta di come l'email marketing porti un ROI elevato, ce n'è un'altra che ne lamenta l'inefficacia. La differenza spesso sta nell’approccio.

Se la tua strategia di email marketing non riesce a coinvolgere i clienti, è tempo di rivalutarla. Di seguito, descrivo alcuni errori comuni che potrebbero impedirti di attirare clienti tramite l'email marketing.

1. Segmentazione dell'elenco scadente

Uno dei vantaggi più significativi dell’email marketing è la sua capacità di hyper-targeting. Inviare la stessa email a tutti quelli della tua lista è come lanciare un'ampia rete e sperare per il meglio. Una scarsa segmentazione dell'elenco significa che non stai sfruttando il potere della personalizzazione, il che può portare a una diminuzione del coinvolgimento e ad alti tassi di annullamento dell'iscrizione.

Soluzione: investi tempo nella segmentazione della tua lista e-mail in base al comportamento dei clienti, alla posizione geografica, alla cronologia degli acquisti o ad altri fattori rilevanti.

2. Sovraccarico di informazioni

I tuoi lettori hanno tempi di attenzione brevi e tempi ancora più brevi. Le e-mail prolisse o piene di dettagli eccessivi verranno spesso chiuse prima del completamento, lasciando inosservato il tuo invito all'azione principale (CTA).

Soluzione: sii conciso, concentrato e vai dritto al punto. Utilizza sottotitoli, elenchi puntati e immagini per suddividere il testo e facilitarne la scansione.

3. Frequenza e-mail incoerente

Alcune aziende fanno di tutto e inviano e-mail giornaliere, causando affaticamento dei clienti e un aumento dei tassi di annullamento dell'iscrizione. Altri restano in silenzio per mesi e poi appaiono dal nulla, facendo dimenticare ai clienti di essersi abbonati.

Soluzione: mantenere una frequenza di posta elettronica coerente ma ragionevole. Potrebbe essere settimanale, bisettimanale o mensile, a seconda del settore e delle preferenze del pubblico.

4. Ignorare gli utenti mobili

Un gran numero di e-mail vengono aperte sui dispositivi mobili. Se il design della tua email non è ottimizzato per i dispositivi mobili, rischi di alienare una parte significativa del tuo pubblico.

Soluzione: optare sempre per un design e-mail reattivo che abbia un bell'aspetto sia sui desktop che sugli schermi dei dispositivi mobili.

5. Nessuna personalizzazione

"Gentile Cliente" non è più accettabile. Il consumatore di oggi si aspetta un approccio più personalizzato che lo riconosca come individuo e non come un semplice indirizzo email.

Soluzione: utilizza il nome dell'abbonato e personalizza il contenuto dell'e-mail in base alle sue precedenti interazioni con il tuo marchio.

6. Invio di e-mail senza CTA chiaro

Un’e-mail senza un chiaro invito all’azione è un’occasione persa. Lo scopo della tua email non è solo informare ma anche incoraggiare il lettore a intraprendere qualche azione.

Soluzione: rendi il tuo CTA chiaro, visibile e convincente. Utilizza un linguaggio orientato all'azione come "Acquista ora", "Ulteriori informazioni" o "Inizia".

7. Mancato test e ottimizzazione

Ciò che funziona oggi potrebbe non funzionare domani. Non riuscire a monitorare i parametri e adattare di conseguenza la propria strategia è una ricetta per la stagnazione.

Soluzione: analizza regolarmente i tassi di apertura delle e-mail, le percentuali di clic e i tassi di conversione. Conduci test A/B per determinare cosa risuona meglio con il tuo pubblico.

8. Trascurare l'importanza della riga dell'oggetto

La riga dell'oggetto è la tua prima impressione e, spesso, è il fattore decisivo per stabilire se l'e-mail viene aperta.

Soluzione: rendi l'oggetto accattivante, pertinente e allettante, ma evita il clickbait. Vuoi mantenere la promessa che fai nella riga dell'oggetto dell'e-mail stessa.

Conclusione

Gli errori nell’email marketing possono essere costosi ma spesso sono facilmente correggibili. Una strategia di email marketing ben ponderata, mirata e incentrata sul cliente può fare miracoli per attirare e fidelizzare i clienti. Apporta le modifiche necessarie e osserva come le tue e-mail diventano una potente risorsa per la tua attività.



request full demo